Iva ordinaria su raccolta giocate svolta da un terzo su incarico del gestore


Nessuna esenzione Iva sull’attività di raccolta delle giocate svolta da un terzo su incarico del gestore (Agenzia Entrate – Risposta 09 luglio 2019, n. 226).

L’esenzione di cui all’art. 10, co. 1, n. 6), D.P.R. n. 633/1972, opera nei rapporti concessionario-esercente e concessionario-gestore in quanto entrambi i soggetti provvedono per incarico del concessionario alla raccolta delle giocate.
Sono invece da assoggettare ad IVA con aliquota ordinaria i corrispettivi delle attività svolte nell’ambito dei rapporti instaurati fra soggetti diversi, quali quello tra esercente e gestore perché hanno ad oggetto prestazioni diverse da quelle di raccolta delle giocate rese al concessionario.